Il Codice Etico è la “Carta Costituzionale” della Fondazione, in cui vengono definiti i diritti ed i doveri morali e le conseguenti responsabilità etico-sociali alla cui osservanza è tenuto ogni partecipante all’organizzazione imprenditoriale.

Il Codice Etico rappresenta per la compagine sociale la codificazione delle politiche di controllo dei comportamenti individuali. Esso costituisce un mezzo efficace per prevenire comportamenti irresponsabili o illeciti da parte di chi opera in nome e per conto della Fondazione, attraverso l’introduzione della definizione chiara ed esplicita delle responsabilità etiche e sociali dei propri dirigenti, quadri, dipendenti e fornitori.

Il Codice Etico è il principale strumento d’implementazione dell’etica all’interno della Fondazione ed è un mezzo che garantisce la gestione equa ed efficace delle transazioni e delle relazioni umane, che sostiene la reputazione della Fondazione, in modo da creare fiducia verso l’esterno.

Il Codice Etico si applica a Fondazione Ca’ d’Industria Onlus ed a tutte le strutture di cui dispone, ed è pertanto vincolante per i comportamenti di tutti i suoi dipendenti e collaboratori. Inoltre Fondazione Ca’ d’Industria Onlus richiede ai fornitori e partner una condotta in linea con i principi generali del presente codice.

Il Codice Etico ha validità nei rispettivi ambiti di competenza.

La struttura del Codice Etico si articola su cinque livelli:

  1. I principi etici generali che raccolgono la missione imprenditoriale ed il modo più corretto di realizzarla;
  2. Le norme etiche per le relazioni della Fondazione con i vari soggetti (consumatori, fornitori, dipendenti, etc.);
  3. Gli standard etici di comportamento:
    • Principio di legittimità morale
    • Equità ed eguaglianza
    • Tutela della persona
    • Diligenza
    • Trasparenza
    • Onestà
    • Riservatezza
    • Imparzialità
    • Tutela dell’ambiente
    • Protezione della salute;
  4. Le sanzioni interne per la violazione delle norme del Codice Etico;
  5. Gli strumenti di attuazione.

L’attuazione dei principi contenuti nel Codice Etico è affidata all’Organismo di Vigilanza istituito ai sensi di quanto previsto dagli artt. 6 e 7 del D.lgs. 231/2001. Ad esso è affidato il compito di diffondere la conoscenza e la comprensione del Codice Etico nella Fondazione, monitorare l’effettiva attivazione dei principi contenuti nel documento, ricevere segnalazioni in merito alle violazioni, intraprendere indagini e comminare sanzioni.

La metodologia realizzativa prevede:

  1. Un’analisi della struttura della Fondazione per l’individuazione della mission e dei gruppi di interesse di riferimento.
  2. La discussione interna per l’individuazione dei principi etici generali da perseguire, le norme etiche per le relazioni della Fondazione con i vari soggetti, gli standard etici di comportamento.
  3. La consultazione delle parti sociali per la condivisione dei principi etici generali e particolari per ogni gruppo.
  4. L’adeguamento dell’organizzazione della Fondazione, delle procedure, delle politiche imprenditoriali con riferimento ai principi del Codice Etico. In particolare riveste una notevole importanza l’attività di formazione etica finalizzata a portare a conoscenza di tutti i soggetti della Fondazione l’esistenza del Codice Etico e ad assimilarne i contenuti. Il dialogo e la partecipazione sono indispensabili per far condividere a tutto il personale i valori presenti in questo importante documento.